accedi   |   crea nuovo account

FAINA

Il sortilegio nefasto
Resterà attorto
In odorose
Briglie
E Nonostante la coda pensi
D'essersi fatta un volto,
Il tutto
Si manifesta
Con insolente
Retrospettiva.


Lo spettro
D ’uno specchio,
Metamorfosi
Isterica,
Mi parla
Di corpo sottile,
Mangiando colla
Di pesce morto
E dialettica presenza
Intossicando ….

Le prede non hanno più occhi,
Ma mani dolenti,
Pensano al riscatto
Come rispetto,
Blaterando nodi scorsoi,
Per colli privi già
Di teste...

-Saltare in aria
Divisi in piccole schegge
O implodere
Pietà
Gustando bile-

Si veste in grigio
La faina
Oggi
E dispensa vuoti
Col metallo
Intorno…

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

11 commenti:

  • laura cuppone il 20/10/2008 18:36
    grazie a te... c m
    buona serata!

    Laura
  • c m il 20/10/2008 14:15
    mi piace.

    ti ringrazio anche molto dei complimenti sulla mia poesia ovest.
    buonagiornata
  • laura cuppone il 19/10/2008 23:40
    ogni mia sensazione... esperienza... aiuta a comprendere... o confonde per dare la possibilità a sè stessi di mettersi in discussione...
    l'implosione finisce per prendere la mia forma...
    e riesco bene o male a tenere tutto sotto la cenere che arde...
    .. esplodo, a volte...
    non é consigliabile
    essere nei dintorni..
    i miei silenzi
    frantumano...

    ciao amico mio
    laura
  • augusto villa il 19/10/2008 21:29
    Vedi di non implodere troppo!... Ci si ammala!
  • laura cuppone il 19/10/2008 17:47
    Dolce...
    mi spiace essere arrivata a tanto...
    ... ma se la faina leggesse...
    credo capirebbe... non trovi???

    grazie a tutti per i vostri commenti...

    Laura
  • Dolce Sorriso il 19/10/2008 14:52
    finalmente esce la tua rabbia,
    sò ciò che provi
    tu lo sai bene,
    fanne esperienza,
    e trasforma tutto in niente
    tu prima di tutto
    io sono con te!
    ti abbraccio forte
    spero di vederti domani
    mi manchi
    un dolce e infinito
    affetto
    tvb
  • laura cuppone il 19/10/2008 12:18
    giuliano
    ho avuto modo d'osservare
    vivendolo
    un ambientino nient'affatto tranquilo
    nulla a che vedere col nostro
    creato
    domenica
    dalle nostre identità...
    no,
    questa é l'arena
    dove bestie mangiano creature indifese
    e dove creature disarmate
    strappano cuori
    come fossero ciuffi d'erba...

    forse dovevo metterla nella categoria "rabbia."..
    ma frse implodere veleno
    é diventato uno dei miei sport preferiti...
    grazie
    Un abbraccio
    laura
  • augusto villa il 19/10/2008 00:42
    "implodere pietà... gustando bile..."... Mi piace!
  • Nicola Saracino il 18/10/2008 17:45
    Aperto, solenne e misterioso come un coro di tragedia greca avulso dal suo contesto... bravissima Laura
  • Dolce Sorriso il 18/10/2008 17:14
    davvero tosta
    sei ok
    brava fatina
  • giuliano paolini il 18/10/2008 13:43
    ci hai dato dentro la immagine e' forte e decisa
    stai forse muovendo verso i sentieri di caccia grossa alla tua preda più ambita?

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0