username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Una Nuvola di Fumo

Ti vidi
Una sera d'autunno
In quella bettola.
Gli odori acri del mercato si insinuavano
Nella mie membra e
Offuscato dall'alcool
Ti vidi.
La gente indifferente non percepiva
Quale essere gli stesse accanto
E sorseggiava con meschinità il proprio liquore.
Ti vidi
Ed eri candida come sempre
Il tempo non ti aveva scalfito
Rividi le tue gote succose come
Pesche mature
E i tuoi capelli color grano che un tempo
Rinvigorivano tra le mie dita.
Ti vidi
E non è l'assenzio
Non è la paranoia
Non è questa logorante malattia.
Ti vidi e
Non ti vidi più
Eri solo una nuvola di fumo.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

18 commenti:

  • Anonimo il 21/01/2010 18:53
    bellissima, mi ha colpito! Complimentoni
  • Vincenzo Capitanucci il 28/03/2009 12:03
    Splendida... Albert... da mettere... in musica...
  • loretta margherita citarei il 07/03/2009 07:28
    molro bella
  • Anonimo il 09/11/2008 20:05
    Hai visto l'ombra di un'amore passato, che ti ha lasciato amari ricordi, sublimati in nuvole di fumo.
    Davvero bella, complimenti
  • claudia checchi il 25/10/2008 23:51
    tantissimo dolore traspare dalle tua bella poesia.. un abbraccio..
  • Rosy Rosalba Piras il 25/10/2008 20:39
    tanto dolore e rancore sento in questa poesia, spero che la nuvola di fumo si trasformi
    in una nuvola ricca di serenità!
    un'abbraccio
  • Susanna Melis il 22/10/2008 12:36
    Sento rabbia e malinconia per un amore ormai lontano. Ma in effetti ciò che è frutto della nostra idealizzazione, vuoi di un amore o vuoi di una persona, raramente corrisponde a verità... in buona sostanza forse hai perso meno di ciò che credi. Molto bravo comunque, complimenti.
  • Cinzia Gargiulo il 19/10/2008 23:15
    Una nuvola di fumo che ha lasciato un segno profondo nella tua anima e nel tuo cuore e che è divenuta ispirazione per le tue belle poesie.
    Bravo!
    Un abbraccio...
  • nicoletta spina il 19/10/2008 23:09
    di questa nuvola di fumo rimane il ricordo... che è indelebile e
    le tue parole che superano la visione perduta fissando il tuo
    pathos in bella poesia. un caro saluto
  • mariella mulas il 19/10/2008 23:08
    Sì, mi piace anche questo scritto, sembri più pacato nel tuo ricordo... i tuoi versi scorrono più lenti come a scavare nel tuo interiore... Forse aiutato da un bicchierino forse dalla rassegnazione. Ripeto mi piace e c'è più poesia. Voto 5 Ciao,
  • Adamo Musella il 19/10/2008 19:24
    Un volto e milioni di derivazioni per ricordare una passione, un amore finito o semplicemente sfumato... sono momenti di assoluta poesia che ci animano in sere del genere. Bravo Albert ciao
  • luisa berardi il 19/10/2008 17:50
    bravo, molto bella. le mie le hai lette?
  • Ugo Mastrogiovanni il 18/10/2008 15:50
    Per giudicare “Una Nuvola di Fumo”, molto modestamente intendiamoci, del resto me lo hai chiesto tu), ho preferito leggere prima “Senilità” e “Nostalgia d' Agosto”. Il tema deriva da quello di “Nostalgia d' Agosto” e ne diviene una conseguenza. Il verso non ha l’impeto e l’armonia della prima, ma risente di costrizione fisica e morale, rassegnata alla perdita di una persona cara mai dimenticata. La libertà di pensiero e chiarezza di esposizione non si esprime al massimo come in “Nostalgia d' Agosto”, ma è fornita di un buon rapporto con la liricità.
  • claudia checchi il 18/10/2008 15:05
    mi e' piaciuta. claudia..
  • Fabio Mancini il 18/10/2008 13:44
    Piaciuta. Fabio.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0