PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

testa o croce

Solo mezze misure
monete in aria rotolano incerte
A dar responso se chiudere le porte,
vanamente a viverti in due
o aprirle e contendere la sorte.


Unici, eterni inverni,
quando ti immergi in quei brevi giorni
di nevi grigie tra indistinti vespri,
di gelide notti, d’impavidi porcini…
li cucini ancora o non li ricordi?


Uniche, eterne estati,
Divorati i timpani da grilli,
da infantili strilli
per i castelli effimeri
che piedi e vento e tutto
hanno demolito…
E vuoti di birra senza fine
E risvegli di marini mostri
per il nuotare al largo
e il letargo meritato d’orologi.


Uniche, eterne stagioni senza senso
che, in compenso, alludono a betulle
erette ferle a metà cammino
in groppa al declino
che in fondo tale resta
se imprevista gelata lo sopprime
come pulcino:
rara è la chioccia dalle eque ali.


Mezze misure non vivrò mai più
e come cadrà moneta poco importa
Perché il suo taglio poco m’appartiene…
Non esiste cometa senza coda
e una coda sola resta indietro
oltre quel vetro a rammendar ricordi…


Mozzo o ammiraglio
d’una nave vera
vecchia o novella
ma comunque intera
come il mare che taglia
e dietro poi si incolla.

 

0
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • sabrina balbinetti il 19/10/2008 23:01
    Bella la chiusa!
    L'immagine della nave che taglia le acque e si richiude al suo passaggio... belllissima!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0