username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Milano

Albeggia, apro la finestra
e attraverso la fitta nebbia
filtra la luce dei lampioni
l'aria umida e fredda di Milano
gela rapidamente il mio viso
i lampioni mano a mano si spengono
sta iniziando a piovere
alcune macchine passano lentamente
il parlottare della gente, con l'ombrello in mano
eccomi qua Milano, noi siamo pronti
inizia pure, il caos quotidiano.

 

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Enrico Ferrini il 15/09/2010 10:32
    Particolare. Una scelta stilistica apparentemente elementare, che abilmente racchiude in sè il quotidiano...
  • francesco muscarella il 20/10/2008 15:06
    Milano da bere è un'espressione giornalistica che definisce alcuni ambienti della città di Milano nel corso degli anni '80, periodo in cui il capoluogo lombardo era un centro di potere governato dai socialisti e attraversato dal benessere diffuso.(Tratto da Wikipedia)...è un modo di dire, quanto ad amarla a me non piace, ma c'è chi ne è innamorato.
  • Fabio Mancini il 20/10/2008 14:57
    Milano da bere? Bevi la pioggia? A parte questo interrogativo esistenziale, sembra la poesia di un innamorato. Fabio.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0