PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Cambiare

Sono qui' che aspetto,

ancora,
con la pioggia,
e con la nebbia.

ma aspetto,
che da una parte s' apra un' alito di sole
e sciolga la catene di gelo
di quest' anima in tempesta,

ora costretta al silenzio,
tempesta che divide in due
l'essere dal non essere.

Poichè non posso creder che le nostre azioni,
per quanto torte sian state,
non possano distribuirsi nell' infinito tempo e nell'infinito spazio delle nostre vite
e squagliarsi insieme con le giuste,

creando altro di diverso,
forse migliore;

per volar lontano,

fuori dal malinconico limbo
dei sogni scordati,

per modellare il mondo e noi stessi
come la realtà dovrebbe essere,

e dar l'esempio
all'uomo ed alla donna,

che c'è sì speranza,

per amare oltre
l' infiniti difetti
che compongon l'agir umano,

o quantomeno,
a non odiar sì tanto

ed aver la possibilità d' essere migliori
ogni volta che riapriamo gli occhi;

e cambiare...

e mutare...

12

1
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • daniela il 05/10/2013 20:43
    tutti hanno bisogno di cambiamenti
  • Anonimo il 19/10/2010 17:58
    molto bella e scorrevole vorrei farti i complimenti mi ha toccato nel mio io

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0