accedi   |   crea nuovo account

Nelle ore silenti

Profonda è ancor questa mia notte, baciata
dai soliti giochi, forse ora più gaiamente,
e intanto, tra il vago apparir dal nulla
esistente, io vago sospeso tra l’oggi e ‘l doman.

Al venir la tenzon con l’agir negligente,
or ora c’e tempo sol di patir l’esistente,
di volger al ciel lo sguardo ammaliante,
di stender l’orecchi alla voce suadente.

Cercar nel profondo quel silo colante,
di sensi sottili, ultrasuoni gentili svelati,
nel fievole e diaccio apparente, celati.

E quando il rintocco l’avrà camuffati,
di volizione si occupi la grande sorgente,
nel tempo d’andar dal Tirreno a ponente.

2004 (da “Spirito Giocoso”)

 

1
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Vincenzo Capitanucci il 06/06/2009 18:19
    Or ora c'è tempo sol di patir l'esistente... nel fievole e diaccio apparente, celati...
    Bellissima Aldo... si... lo stesso sentire... la tua scritta... con grande maestria...
    Ultrasuoni... gentili... la gamma dagli infrarossi... agli ultravioletti...
    suono e visione... d'un arcobaleno divino... fulmin-ante...
  • alberto accorsi il 12/11/2008 13:14
    Una poesia difficile. abcd bbeb eff fbb."Sonetto" vago.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0