PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

me so' messo tanto ar mese

Semo 'ndebbitati fino ar collo
tutti l'acquisti so' raetizzati
dar materazzo cor cuscino mollo
ai Suvve neri o griggi metallizzati.

Chi paga 'n contanti è penalizzato
cor sordo 'n bocca nun ciai più lo sconto
mò er commesso s'è specializzato
"cor tasso zero senza più confronto".

Tra 'e cose strane che se fanno a rate
c'è er reggipetto de' la prima notte...
la tunica marone de zi' frate...
e l'infradito che se so' già rotte!

'N amico mio ha ortepassato er segno
ha fatto er lisinghe pure p'anna' a fotte'
così 'na vorta ar mese fa' 'n assegno...
e copre li buffi fatti co' 'e mignotte!

 

2
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Carlo Capossela il 20/11/2008 11:59
    Ti chiamerò TILTINEBBA in onore al grande Salustri.
    Ciao.
    Carlo.
  • sabrina balbinetti il 23/10/2008 14:28
    l'amico mio è romano e come morti romani è anche 'n po' buffarolo(ovvero che fa i debiti)... indi per cui... l'assegni sui so' tutti tassativamente "CABBRIO"...(ovvero... scoperti)... quindi la moje nun cià gnente da scoprì... già cià penzato lui!
    ciao.. se vedemio!
  • VINCENZO ROCCIOLO il 23/10/2008 11:20
    Sono curioso di una cosa, Sabrina: cosa scrive il tuo amico sulla causale dell'assegno per non farsi scoprire dalla moglie?
    1) Beneficenza per l'infanzia abbandonata
    2) Rifacimento tappezzeria macchina
    3) Acquisto lecca/lecca per gli orfanelli.
    A te la risposta.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0