PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Tu, piccolo bimbo rom

Tu,
piccolo bimbo Rom
che te ne stai
ai piedi
dei semafori
delle grandi città
e dei piccoli paesi…

Tu,
che guardi
con occhi imploranti
le auto
che veloci
ti sfrecciano vicino
noncuranti
della tua fame
e della tua sete…


Tu,
che avresti
il diritto
di poter giocare
felice e spensierato
come gli altri bambini…

Tu,
che accetti
il tuo destino
come se fosse
un tuo dovere…

Prendi
Le mie mani
E portale
Alle tue labbra
Per nutrirti un po’
Di speranza
Ed allegria
Per un futuro migliore…

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 23/07/2013 08:54
    è vero... questo mondo è un grandissimo caos...

15 commenti:

  • Anonimo il 14/01/2009 11:24
    Alessio ha colto nel segno, ci ricorda colui che pretendeva di insegnare al cane le tabelline, avendo i figli analfabeti.
  • ALESSIO SANNA il 08/01/2009 10:50
    I discorsi riguardanti l'integrità culturale, sono spesso affiancati dal sistema politico che ci circonda, credo invece che il discorso si faccia e sia sostanzialmente più articolato, in quando l'aspetto umano, spesso tralasciato dai vari decreti più o meno idioti, faccia da muro di rimbalzo sulla qualità della singola persona, come poter sperare un'integrazione dei Rom nella nostra cultura, se a mala pena riusciamo a sostenere che nella nostra vi siano sufficenti motivi di insegnamento.
    Abbiamo delle culture che non riescono a farsi accettare, persone che vogliono morire invece condannate a vivere, razzisti che fanno voce di poeti e poeti che tacciono per amore, capi di chiesa vecchi e pallidi difronte alla realtà, padri di famiglia che piangono all'ombra della disperazione, tutto questo moltiplicato per ogni singola persona, diviso per razza, cultura, ideali, fanno un bottino di insegnamento?
    Sicuramente qualcuno dirà:
    -<<Non è così critica la nostra cultura>>.
  • Riccardo Brumana il 25/10/2008 22:44
    ogni bambino meriterebbe la serenità... come anche ogni adulto...
    purtroppo invece non c'è equilibrio,
    ci sono persone felici e disperati!

    complimenti. :bacio:
  • Dolce Sorriso il 24/10/2008 00:13
    brava davvero Sara
    piaciuta molto.
    Se ti va leggi quella che ho scitto io
    piccolo rom e fammi sapere ci tengo
    un abbraccio
  • simona mugnaini il 23/10/2008 20:50
    Molto intensa
  • Fabio Mancini il 23/10/2008 17:08
    Hai ragione quando dici che i bambini Rom accettano la loro vita, come se fosse imposta dall'alto. Un po' retorica l'ultima strofa perchè il problema dell'integrazione dei Rom, dipende dagli investimenti del welfare e da una cultura più attenta alla diversità. Le tue mani purtroppo, non possono fare miracoli... Fabio.
  • Sonia Di Mattei il 23/10/2008 16:56
    azz... nemmeno le emoticon mi riescono
  • Sonia Di Mattei il 23/10/2008 16:55
    La tua osservazione è pertinente, caro I. C., non ci avevo fatto caso. Uffa, sei sempre un passo avanti di me.:_(
  • Anonimo il 23/10/2008 14:34
    ooops, 'prima' sta per 'priva'. grazie. ciao
  • Anonimo il 23/10/2008 14:33
    chi accetta il proprio destino, non ha gli occhi imploranti. Trovo la parte finale troppo retorica e prima di spessore.
  • Sonia Di Mattei il 23/10/2008 13:20
    Tutti i bambini avrebbero diritto a un'infanzia spensierata e il calore di un affetto. Purtroppo molto spesso moltissimi di questi bambini divengono presto dei ladruncoli 8certo non per loro colpa), ne so qualcosa anch'io, derubata da uno di loro. Ma non ce l'ho con questi bambini, fanno soltanto cosa è stato loro insegnato

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0