PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Una porta chiusa

Nota dell'autore: "Contro la pedofilia"

Annegata nel pianto
solitario di una notte
senza infanzia.
Biondi capelli ricci
occhi al limite del cielo,
sguardo colmo di disperazione.
In un angolo buio di una casa
soffocante
tiene un peluche stretto
tra le minuti mani.
Ginocchia al mento
tutta rannicchiata su sè stessa
ricorda una bambola
delle tante che si gettano via
perchè rotte e forse inutili.
Una bambina cresciuta troppo in fretta.

E da lontano il silenzio si fece
tempesta
un rumore sordo bussò all'anima.
Pochi secondi
e l'orco sarebbe tornato.

Una sagoma nera
percettibile anche nel buio
un'inquietante presenza.
Subito nella sua mente
immagini sfocate
del passato che si sposa
col presente
e corrode le arterie
fino al cuore che corre
e fugge dal corpo.

Uno schianto chiuse una porta
una speranza
un sogno.

Lieve lieve il pianto di una bimba.

Di un angelo.

 

0
9 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Raffaele Arena il 19/06/2012 21:24
    Una poesia che mette i brividi quanto è realistica e purtroppo in modo impeccabile "edulcorata", considerata la tragedia di questa piaga sociale e dei traumi che meriterebbero pene "capitali", a chi le commette, che invece molte volte sono coloro che hanno il potere dalla parte del manico. Che siano comunque maledetti per l'eternità.

9 commenti:

  • luca de santis il 27/06/2010 18:00
    figurati è un piacere, hai ragione a dire che è un tema su cui scrivere ma tu l'hai fatto per di più l'hai fatto benissimo
  • simona mugnaini il 27/06/2010 17:58
    grazie luca... anche se è un tema difficile su cui scrivere...
  • luca de santis il 27/06/2010 17:10
    belle parole su un tema ahimè orrido ed attuale.
    brava
  • VINCENZO ROCCIOLO il 19/11/2008 15:35
    Il contrasto abbagliante tra il morbido e rassicurante peluche stretto nelle mani tremanti e la scura ombra minacciosa che incombe su quel piccolo angelo innocente.
    È questa l'immagine che conservo di questa tua splendida poesia/denuncia, cara Simona. Confermo il mio giudizio sulle tue grandi qualità e sulla tua meravigliosa sensibilità di poetessa e di donna.
    Bravissima.
  • sabrina balbinetti il 24/10/2008 22:52
    troviamo il coraggio di parlare e di denunciare tutti gli orchi che rubano l'infanzia a dei piccoli angeli... rovinando loro per sempre la vita
    bravissima
  • Maria Lupo il 24/10/2008 17:29
    Molto bella, straziante e priva di retorica.
  • Ugo Mastrogiovanni il 24/10/2008 14:08
    Versi coraggiosi, da brivido, bellissimi; dire altro significherebbe depauperarne il valore.
  • Kiara Luna il 24/10/2008 12:14
    Non ho parole... e non ce ne sono... se non per dirti..
    brava e coraggiosa nel trattare un tema tanto vergognoso
    e infame.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0