PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Un cerino per scoprire se c'eri

Ho acceso la notte
in istanti di fiammifero

violando i suoi intimi segreti

con una luce
spezzata
rifratta di cuore

illuminando
per un attimo solo
il tuo pallido volto

in un sorriso
gioiosamente inerte

Un viso amato
e caro

tramortito
da oscuri misteriosi

impalliditi giorni

 

0
8 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

8 commenti:

  • Ugo Mastrogiovanni il 21/12/2008 16:15
    Bella. Come da sempre, non riesco a beccare in fallo Capitanucci!
  • Cinzia Gargiulo il 26/10/2008 11:51
    Un cerino che ha diffuso una luce veramente intensa, una luce d'amore che ha illuminato la notte, il volto dell'amata e i nostri cuori...
    Molto bella!
    Un :bacio:
  • luisa berardi il 25/10/2008 21:57
    bellissima vincenzo, come sempre.
  • Anonimo il 25/10/2008 21:03
    Oggi m'hai acceso tre cerini in tre posti diversi, che dire? Grazie Vince, praticamente, sto cenando a lume di candela.
  • giuliano paolini il 25/10/2008 16:26
    e' la fugace ed effimera esperienza del vivere che spesso e' dovuta alla scarsa considerazione degli abbondanti strumenti di cui disponiamo ma che per pigrizia o
    poca fiducia dimentichiamo di usare al meglio
  • Riccardo Brumana il 25/10/2008 16:19
    attratto dal titolo ho letto questa poesia, ritrovandomi in un luogo senza tempo e senza spazio, dove una flebile fiamma ha scaldato... per un attimo di gioia... per un attimo di vita.
    complimenti.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0