username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

vicolo der moro

Du' vecchie a sede a Vicolo der Moro
ricordeno la Roma ciumachella
de quanno li regazzetti come loro
s'aspettavano in faccia a quella funtanella.

"Metteteve la coperta sulle cianche
che nun so' più quelle de 'na vorta...
de quanno che passavate notti bianche
sbaciucchianno Tito for de porta".

"Nun se sente più l'odore de pagnotta
che lasciava passanno la commare
pe' via che ner forno fa la biocca
cor fornaretto tra farina e pale".

"Ma de 'sti vecchi tempi ciò 'n rimpianto,
de 'n capitano de cavalleria
che passanno sotto alla loggetta
fischiava:”Affaccete Nunziata” ... e annava via.

Poi guardo Cecco nella segheria
s'ammazza de fatica come allora
de quanno disse: “Bella Nunzia mia...
te vojo bene…. ma nun ciò ‘na lira!”

Beh, sapete che ve dico sora Lella
che l'aria ormai s'è fatta frizzantina
l'ora de cena tra poco s'avvicina...
e ancora devo fa' la coratella! "

 

0
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • claudia checchi il 31/10/2008 16:31
    molto bella mi e' piaciuta veramente tanto.. complimenti
  • Fabio Mancini il 27/10/2008 08:32
    Un bel ritratto di Roma antica. La sua quotidianità, i suoi aspetti caratteristici, il suo palpito... Brava Sabrina con la S maiuscola. Ciao, Fabio.
  • sabrina balbinetti il 26/10/2008 21:20
    grazie matteo, questa è stata la prima poesia dialettale(scritta all'età di 16 anni)... poi ho ripreso a 42 anni... comunque grazie!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0