PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Le staggioni

Se quelle mezze nun ce stanno più
caro collega... semo rimasti 'n due
pe' rinfrescacce l'anno ce stai tu
e io cor solleone a secca' l'uve.

Dice, che l'antre due se ne so' ite
hanno fatto fagotto pe' disperazzione
si s'affaccia Primavera mite- mite...
grandine e toni co' l'anticiclone.

A Roma era famosa e s'atteggiava
pe' l'ottobbrate degne de' l'Autunno
ma pure qui, quarcosa nun annava...
prima arivava e poi... sartava er turno!

Dice, sei fortunato se ciai er BUCO
ma pe' noi quattro è solo deleterio
l'ozzono s'è forato... e come 'n ciuco
se trascina 'sto Pianeta... ar cimitero!

 

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0