PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

GLI AMANTI

Si cercano
venti stranieri
di cieli
dispersi.
Si catturano
i ladri
d'affanni
e di giochi
distanti.
La pelle
sopita
in un lago
d'inchiostro
rinnega
albe rosse
e brama
squarci
d'immenso.
E le mani
danzanti
s'abbracciano
al buio
della stanza
d'albergo,
silenti
ed urlanti
in un logico
delirio.
Le schiene
sicure,
ponti di carne,
s'inarcano
e all'unisono
chiedono
vita,
e furtivi
gli occhi
negli occhi
annegano.
Le voci
ansimanti
di occulte dottrine
si fondono
e confondono
in un grande precetto
e le labbra
stremate
mordono
ancora
le nude promesse.

12

1
7 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

7 commenti:

  • serena ricordi il 11/11/2008 17:05
    intensa e passionale, bella e tremenda per atti d'amore a cui non spetta un domani.
  • Ugo Mastrogiovanni il 02/11/2008 08:30
    Trasgressioni che, con espressioni dirompenti, creano versi veloci, di particolare grazia e adeguate variazioni. Dovrebbe far riflettere il brano: “Ed i fiori d'arancio di sposi mancati si colgono adesso in un incontro di luce e di monogame leggi.”
  • serena ricordi il 29/10/2008 14:45
    sei proprio brava, descrizioni avvincenti di amanti avvinti in una forte passione.
  • Fabio Mancini il 27/10/2008 08:51
    Bellissima! Un concentrato di passione, rabbia, amore... Ciao, Fabio.
  • Vincenzo Capitanucci il 27/10/2008 06:25
    Stupenda.. il corpo rinasce nel corpo... accuratamente si amano...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0