username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

'a parabbola der fijo' prodigo

Ce aricconto' Gesù morto umirmente
'a parabbola der fijo aritrovato
de come a vorte, chi sbaja, poi se pente
e conzapevormente ha già sbajato!

Viveva 'n Palestina 'na famija
'n padre e du' fij... morto disuguali
er piccolo sciojeva più la brija...
er granne teneva fede all'ideali.

Quanno che er primo volle pe' puntijo
esse' pagato dar padre ancora 'n vita,
costrinze l'omo senza trova' l'appijo
a sparti' l'averi prima d'a dipartita.

Così 'n ber giorno annette er piccoletto
co' la saccoccia gonfia 'ncontro ar monno
spennette li bajocchi senza rispetto
finché la mano nun toccasse er fonno!

Fu messo allora a fa' da guardia ai porci
solo così capi' d'ave' toppato
a testa bassa come fanno i sorci
ritorno' a casa assai mortificato.

Er padre, prima ancora che se scusasse,
je corze 'ncontro co'le braccia aperte
"Io te perdono"- e come nun bastasse
sgozzo' er vitello pe'ringrazzia' la sorte.

Ar fijo grosso je rode er chiccherone:
"Ma come ortre tutto je fai festa?
A lui che ieri è stato scialacquone...
l'abbraccichi e lo baci sulla testa?"

"Tu che sei stato sempre qui vicino
nun ciai bisogno d'esse' eloggiato...
ma lui... l'avevo perzo ner cammino...
e oggi festeggio p'avello aritrovato!

 

0
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • Pietro Saltarelli il 23/11/2010 21:21
    BELLISSIMA...
  • bruno saetta il 19/04/2009 16:32
    Grandiosa!
  • MARIANO PROCOPIO il 08/11/2008 17:52
    bravissima io nu so romano ma'mme piace fa le rime in sto dialetto vordi che farò scola da li tui scritti.
  • Solo Commenti il 28/10/2008 12:17
    Parabola gradevolmente raccontata a fine pasto di carciofi alla giudìa.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0