accedi   |   crea nuovo account

L'araba fenice

Così sei tu, nella mia fantasia
esisti in qualche parte del mondo
ti vedo nei miei sogni, dolce
apparentemente mistica
pelle liscia e vellutata
geometricamente assoluta
sconvolgi i miei pensieri profondi
e io volerò, come un gabbiano
dalle splendide ali bianche
sorvolerò, mari e terre conosciute
risorgerò
quando risorgerai dalle tue ceneri.

 

0
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Anonimo il 31/10/2008 12:40
    È appena passato rasoterra un gabbiano. Il suo gracchiare una totale incondizionata approvazione. L'applauso ce lo metto io:

    nel
  • Michelangelo Cervellera il 29/10/2008 21:52
    Quando risorgerà dalle ceneri, sarai li ad aspettare il sogno che diventa realtà, qualunque cosa sia.
    Michelangelo
  • laura cuppone il 29/10/2008 17:16
    insieme per risorgere dal male... insieme ancora sconosciuti...
    la poesia forse... o una donna... o l'amore...

    bella!!!
    Laura
  • dramaqueen il 29/10/2008 13:46
    ottima

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0