username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Due mani Due destini

Le mie mani,
Linee e incroci,
Destini e doveri.
Con queste mani dure,
ho scovato sotto la mia terra.

Molto profondo e all’infinito,
ho trovato la pietra rara.
Immensa brillante.
Verde smeraldo.
Luce nel suo grembo,
La pietra che ho trovato.

Del mio destino, ho fatto tesoro.
Ho portato la pietra oltre oceano.
Costruì un castello per sua dimora.
La pietra inizia anche parlarmi,
a certo punto volermi tanto bene.

Del mio destino di righe
degli incroci sulle mie mani.
Voglio dirvi cosa ho letto.
magari anche contemplato,,
quanto mi manca la mia terra,
quale copriva la pietra.
Quanto mi manca quel pezzo mio
con suo grano sopra.
il profumo delle monsoni
della mia piccola terra.
Se fosse capace,
Voglio stringermi,
con le mie due mani
quello che io ho,
con quello che mi manca.

 

1
5 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 12/11/2013 05:22
    Molto apprezzata, complimenti.

5 commenti:

  • Anonimo il 12/01/2009 14:35
    la trovouna perla di rara bellezza... c e malinconia e tristezza insieme
    chiudi gli occhi e il vento ti portera il suo profumo.. stringi fra le mani
    la pietra.. per sentire vive le tue radici..
    un sorriso Aurora
  • Dolce Sorriso il 07/01/2009 23:56
    decisamente bella e nostalgica
    bravo dolce Raju
  • Michelangelo Cervellera il 29/10/2008 21:45
    nulla profuma come la terra in cui abbiamo vissuto e nel nostro cuore continuano a germogliare i frutti che ci dona il nostro pensiero.
    Bravo Raju.
    Michelangelo
  • Anna G. Mormina il 29/10/2008 21:16
    Raju, ma tu sei capace!... chiudi gli occhi e vola con la fantasia...
    ... è bellissima e molto dolce!... complimenti!
  • laura cuppone il 29/10/2008 17:13
    ... la terra
    porta in sé
    solchi.. tracce... grano e mani che seminano e raccolgono...
    così come le stesse mani... hanno segni della vita trascorsa e del suo "destino"...
    nostalgia delle proprie radici...
    succede anche a me..
    tra il cemento e l'asfalto di sentire, chiudendo appena gli occhi per un momento, il vento di sale del mio mare... e di desiderare di stare con lui...

    bella raju
    come una pietra rara, che porti sempre con te.. pietra verde della speranza...

    ciao amico
    Laura

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0