username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

2 Novembre

In questo tempo
che è il nostro,
oltre i cancelli
di questi viali alberati
da silenziosi cipressi
in marmi di granito
e logore pietre tombali,
mi immergo
a passi lenti
in solitudine di preghiera
tra ricordi a me estranei
di vecchie foto
che mostrano esistenze
custodite
in pianti
lunghi un secolo.
Solo quando
i miei occhi,
madre,
vedranno i tuoi,
nel buio cupo
della mia anima,
il mio sarà
un pianto
lungo una Vita,
ed oltre.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

25 commenti:

  • Anonimo il 01/10/2011 18:44
    Bellissimi gli ultimi versi: mi hai fatto "vedere" la luce che gli occhi di tua madre hanno sprigionato nella tua anima... Mi hai fatto "sentire" che il pianto per il desiderio di lei non può che durare tutta la vita! Grazie.
  • Sergio Fravolini il 08/08/2010 14:24
    È un'opera complessa ma scorrevole. Mi piace.

    Sergio
  • Giovanni Cuppari il 22/07/2010 22:17
    grazie amici per i commenti inviati!
  • Nicoletta Piepoli il 22/07/2010 10:11
    Bella!! scrivi intensamente le tue poesie!!
  • Sergio Fravolini il 26/03/2010 12:48
    i secoli eterni nel buio dell'anima dove un pianto sarà oltre.

    Sergio
  • Fabrizio Lama il 23/12/2009 19:32
    In questa poesia è resa molto bene l'immagine, ma negli ultimi versi hai reso bene anche l'impressione che scaturisce dal fatto che le persone care che se ne sono andate ormai hanno corpo soltanto nei nostri ricordi... sento fortissimo il tuo dolore, ma devi capire che tua madre non vorrebbe vederti così triste... un abbraccio
  • Maurizio Lombardi il 23/11/2009 16:43
    "Solo quando/ i miei occhi/madre/vedranno i tuoi/nel buio cupo/della mia anima/il mio sarà/un pianto/lungo una Vita/ed oltre." Ecco, questa è arte! Mi è bastato leggere una sola volta la tua poesia, in particolare i versi che ti ho riportato, per vedermi catapultato in quella situazione, con tutta la carica emotiva che si porta dietro. Ecco, una poesia che riesce a far questo è arte. Complimenti!!!
  • MORENA MANICARDI il 25/06/2009 23:35
    Molto bella mi ha commossa
  • Anonimo il 17/05/2009 21:31
    Anche se a me personalmente non mi ha impressionato tantissimo, devo dire che è scritta e pensata bene. Nella prima parte, fino a "pianti lunghi un secolo" si riesce a "visualizzare" il luogo tormentato della poesia, mentre la seconda parte, cioè da "solo quando", mi coinvolge molto di più in particolare per la scelta delle parole e di mettere la maiuscola a vita, dettaglio che anchio ho utilizzato in una mia poesia e che apprezzo molto. Bravo continua ad ampliare la tua creatività e buon lavoro ^^
  • Camillo Cantagallo il 25/02/2009 16:50
    Bellissima!!!!!
  • andrea venturi il 18/12/2008 09:07
    veramente bella complimenti.
  • Sonia Di Mattei il 02/11/2008 14:51
    oltre quel cancello varchiamo la soglia dell'ignoto, ma che ci ricongiunge in qualche modo ai nostri cari che non ci sono più.
    bellissima e sentitissima poesia.
  • sara rota il 01/11/2008 16:00
    Una bella poesia che sa di preghiera per un giorno così mesto. Bravissimo.
  • Paola Bonc il 01/11/2008 12:42
    è veramente bella! un'immagine particolare di un luogo così pieno di dolore!
    bravo
  • Giovanni Cuppari il 01/11/2008 01:00
    Un bacio affettuoso a tutti quelli che hanno gia' commentato e a quelli che commenteranno questi versi. Gio'
  • luigi demuro il 31/10/2008 23:43
    Molto molto intensa ed estremamente bella! Complimenti. I tuoi versi mi hanno ispirato un profondo senso di quiete. L'ho riletta più volte con piacere. Luigi
  • Maria Gioia Benacquista il 31/10/2008 22:56
    Il pianto e il rammarico per chi non c'è più... Silenzio, quiete e ricordi tra fredde lapidi.
    Nonostante il silenzio e il vuoto que si sente, i nostri cari vivranno per sempre nei nostri cuori.
    Bella poesia, triste e malinconica. Malinconici diventiamo quando oltrepassiamo quei cancelli e camminiamo quasi in punta di piedi per rispetto e più che mai percepiamo la nostra fragilità.
    Un abbraccio,
    Maria G.
  • Cinzia Gargiulo il 31/10/2008 19:57
    Un delicato omaggio per i nostri cari defunti che vivono nei nostri cuori.
    Bravo!
    Un abbraccio
  • Kiara Luna il 31/10/2008 18:49
    Bella e triste come questi giorni di ricordo...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0