username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Na piotta

Io so’na piotta,
come me chiamavo nun me ricordo,
vivo pe’ strada, con na moto amica,
e so’ contento de ‘sta vita,
nun me creo molti affanni,
e nun c’è penso a fa danni.

Me fa contento chi me guarda,
e…a da’no spiccetto nun s’attarda
m’avvelenano…quelli…
che se mettono a fa i saputelli,
e te dicono: va’ a lavora’ barbone infame!
Oppure: sei tuttuno cor catrame!

Ma nun me lagno, ormai nun me fa male,
basta che ‘sto lontano dall’ospedale
la vita è bella, la libertà è meio,
e poi de più, che c’è farei?
A me basta il cielo, quanno me sdraio ner prato
e la notte de stelle, che lascia senz’er fiato.

Eppoi ve’ lo dico,
er monno nun è poi tanto infame,
quanno de mattina
con du’ occhi azzurri, na regazzina,
te mette in mano…a sua merendina.



*na piotta: "cento lire".

 

0
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • Dora Forino il 21/06/2011 21:30
    Quanto è espressivo l'idioma romanesco... Certo caro Piotta chi sceglie la strada, avrà dei problemi di comunicazione con la famiglia!!!!
  • marco carlino il 28/10/2010 15:37
    se se, la "merendina" ma sei veramente un senzatetto o l'hai presa in prestito questa poesia in romanesco?
  • MARIANO PROCOPIO il 24/09/2010 17:06
    molto bravo, invidio la tua filosofia e sta forza de sopravvive.
  • Anonimo il 13/06/2010 16:37
    sei molto chiaro nel descrivere la tua vita la vivi anche quando non è cosi come' bravo
  • Anonimo il 26/07/2009 08:45
    Genuina...
    Mi ha coinvolta..
    La metto nei preferiti

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0