username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

VECCHIA SIGNORA

Sei così, distratta,
il trucco sfatto, discinta.
Che fai?
Assorta ricordi, forse.
Ovunque conservi
l'amore che t'ha cresciuto.
Cosa ti mantenne in vita?
Costanti cure quotidiane.
La fine arrivò, quando?
Chissà.
Di fronte a me ora
incolto giardino, imposte divelte,
intonaco a crepe.
Solo conversare di piccioni,
inquilini invadenti,
ti rendono viva.
Per un po', almeno.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

21 commenti:

  • senzamaninbicicletta il 20/11/2011 17:14
    ho faticato a tradurre la metafora e ho dovuto leggere i commenti per capire se la vecchia signora poi non fosse una casa. Ho ancora dubbi, ma la poesia è molto bella. complimenti
  • Fiscanto. il 13/10/2009 14:52
    bella
  • valeria raffa il 07/03/2009 10:45
    malinconica... ciao
  • Umberto Briacco il 13/01/2009 12:01
    Molto malinconica. Centrato sicuramente il tema e il modo per esprimerlo. Saluti
  • augusto villa il 05/01/2009 10:16
    Mi associo agli altri... sei stata veramente brava!!!... Sisì... Bravissima!
    Un Megabacio!!!... SMACKKETE!!!... ahah... Ciao Martolina!
    Tvb.
  • Ada FIRINO il 03/12/2008 12:27
    Precisa ancora una volta nell'espressione dei tuoi sentimenti, Marta, senza dispendio di parole. L'uso della metafora è una tecnica da me ampiamente usata e perciò gradita. Dico però che dovresti rifarti il trucco e sprigionare uno di quei tuoi splendidi sorrisi che fanno da cornice alla tua anima sensibile.
  • Anonimo il 27/11/2008 10:29
    Avevo già commento questa tua in altro sperduto angolo del web. Ribadisco i miei complimenti per questa signora dal trucco sfatto, possibile metafora di sogni svaniti.
    Ciao amicona.
  • Michelangelo Cervellera il 25/11/2008 21:39
    Direi un commento altamente significativo, si nota con estrema evidenza l'analisi della metrica che è stao fatto, addirittura direi puntigliosa che lascia poco spazio ad altre interpretazioni. Quello che mi colpisce di più è l'uso grammaticale corretto che ha avuto nell'esprimere la critica (costruttiva) dei tuoi versi, sono stati meticolosamente sezionati ed analizzati come solo chi ha afferrato nel pieno il concetto che si cela abilmente tra le righe.
    In più dall'uso parco delle vocali, si denota l'abilità di espressione, dovuta certamente al girare la ruota e perdere sempre. Neanche buono in questo.
    Ciao Martolina,
    un bacio,
    Michelangelo
  • Giovanni De Lombardis il 25/11/2008 11:11
    HBHJUUIIJKJKKFGFFFFFRSDR.
    qUESTO DICE LA TUA POESIA.
  • Riccardo Brumana il 08/11/2008 00:48
    una poesia dai toni molto tristi... non è il mio genere.
    ma è ben scritta.
    ciao :bacio:
  • Ivan Bui il 07/11/2008 14:55
    ... i versi sono stupendi, la tristezza quasi insopportabile.. ha ragione Michele...
  • Adamo Musella il 05/11/2008 01:03
    La vista è quella di una donna che merita rispetto, non parlo di quello dovuto per galateo, ma per i ricordi che porta sulle spalle in cui ci rivediamo bambini, inesperti alla vita a incolti alle riflessioni... poco basta che siamo giovani vigorosi ed eruditi uomini di città... questa cara e vecchia signora è davvero speciale e tu cara Marta molto brava a presentarcela molti :bacio:
  • Michelangelo Cervellera il 02/11/2008 21:45
    Martolina, dalle dediche a persoone che ti stanno a cuore sei passata nelle ultime tue a non aver cuore per te stessa, si vedeva bene a Torino e te l'ho anche detto, sappiamo bene che ci sono periodi in cui tutto va storto e l'unica soluzione sembra chiudersi e rifiutarsi specialmente per persone la cui sensibilità, sotto ogni forma, le travolge e sembra non avere fine, di non trovare più il bandolo della matassa per ricominciare alfine a tessere un vestito nuovo, ma sai bene che dopo il buio del pozzo dove si è caduti, pian paino la luce si fa strada e spesso è luce solida dove puoi iniziare ad arrampicarti per risalire.
    Ho notato un cambiamento quasi radicale nel tuo modo di scrivere.
    Molto bella questa poesia.
    Michelangelo
  • Anonimo il 02/11/2008 18:33
    Marta,
    complimenti, si sente fortissimo la solitudine, la delusione...
    Per fortuna, c'è sempre qualche bagliore che scuote le nostre anime..
    ciao Cara
    Angelica
  • laura cuppone il 02/11/2008 16:10
    ... la poesia rende bene l'idea...
    la solitudine é condizione forzata a volte e cercata... altre...
    le persone anziane non dovrebbero esser sole..
    lo trovo uno spreco immenso... di storia e memoria...
    bella marta
    Laura
  • laura cuppone il 02/11/2008 16:06
    marta... ti aspetto al circolo dell'uncinetto... magari ci scappa anche una partitina a carte...
    che dici?
    dillo alla mari che porta la moretti...
    ...
    Vittorio col mascara???
    un'immagine che non avrei mai voluto avere... e che voglio dimenticare...
  • Marta Niero il 02/11/2008 15:50
    non sai confortarmi caro vittorio? va bhè, lasciami essere per una volta una gentil donna ti offro IO una spalla su cui piagere, certa che non macchierai di mascara(almeno spero) la mia candida camicia; se così non fosse ti consiglio un ottimo rimmel waterproof, sai con tutte le cipolle che taglio l'ho collaudato alla grande, altrimenti davvero avrei il trucco sfatto continuamente nonostante il mio non essere anagraficamente una vecchia signora... ma solo anagraficamente eh?!
    detto ciò, se anche gli altri carinissimi commentatori vogliono unirsi alla nostra valle di lacrime sono i ben accetti: ho comprato al super una scorta di klenex per un favoloso 3x2
    vi abbraccio con affetto
    grazie
  • Nicola Saracino il 02/11/2008 14:05
    Il sentimento della condizione nella condizione più smagliante del sentimento. E'.
  • Giovanni Cuppari il 02/11/2008 12:38
    Ci poniamo interrogativi nella nostra vita che spesso è difficile dare una risposta. Nonostante questo, queste domande ci aiutano a vivere. brava Marta. Gio'
  • giuliano paolini il 02/11/2008 10:49
    lo spazio che un giorno fu vissuto e curato si fa territorio di conquista di altri viaggiatori più o meno ordinati e puliti, e' la forza della vita che si ripropone sempre e comunque nelle forme e nei significati più diversi.
    viva vivo vivra'
  • luigi demuro il 02/11/2008 10:22
    Bei versi. L'immagine è efficace e rende bene il tuo intendimento. Hai "scattato" una foto bellissima e ci hai inserito un fumetto con tanti punti interrogativi: geniale. Brava

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0