PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

un passettino indietro

arriva un giorno
in cui le parole
esauriscono il loro debito
con il passato
ed anche la tua poesia
pare quasi che spenga
la luce in una stanza gia' vissuta
che lasciamo per nuovi spazi.
il tuo esprimersi sembra quasi
acquisire un nuovo aroma
che avverti come estraneo, che non ti appartiene,
e dove il tuo esserci
e' avvolto dal timore di calpestare
un suolo immacolato e sacro.
e' come in quelle mattine limpide
dopo una furiosa nottata di tempesta
in cui il cielo e' cosi' trasparente
che puoi vedere lontano
e ti vengono svelati panorami ignoti
che poi rapidamente vengono come risucchiati
nell'attesa di un futuro attimo di sospesa magia,
o come dopo una grande paura
che ti ha come prosciugato,
pian piano non si sa bene come e da dove
nuove energie arrivano
a riempire tutti i tuoi spazi vuoti in attesa
e' in quei frammenti immobili ed ignari di te e del tutto
che la comprensione si materializza,
e' la magia del tutto
che si esprime attraverso di te
e se sei ben sveglio e presente
ne puoi apprezzare a pieno
la armonica sinfonia.

 

0
6 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

6 commenti:

  • Solo Commenti il 06/11/2008 23:15
    Prosa corretta, suadente. Ottimo scrivere, piacevole e interessante.
  • terry Deleo il 02/11/2008 22:18
    Caspio... che bella questa!! È intensissima, magica, fa volare i pensieri.. ti fa provare limpide sensazioni e "ne apprezzi l'armonica sinfonia".
    Bravo, bravo, bravo.
    terry
  • Michelangelo Cervellera il 02/11/2008 20:57
    è uno stato d'animo che spesso mi appartiene, ma è vero arriva sempre la luce, bisogna riuscire a comprenderla ed afferarla.
    Michelangelo
  • Anonimo il 02/11/2008 18:14
    Giuliano...
    caspita che meraviglia!
    Una profondità che rinosco... i tuoi occhi ne erano pieni.
    Alcuni tuoi consigli, rimbombano ancora nelle mie orecchie.
    Grazie per quelle parole e per queste.
    Ciao
    Angelica
  • laura cuppone il 02/11/2008 17:47
    ... e poi sono io quella... della camomilla...
    va be...

    colgo con sottile piacere
    uno stato d'animo comune.. al mio..
    a volte poesia... ispirazione e sentore.. non s'incontrano..
    e si scrive in uno stato d'incoscienza... quasi...
    o si vorrebbe farlo
    ma nulla affiora...
    é vero"nei frammenti immobili ed ignari di te e del tutto... la coprensione si materializza"...
    é vero..
    quando non vedo
    é perchè sono già
    nel bagliore...

    :bacio:
    laura

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0