accedi   |   crea nuovo account

Oggi piove... come il mio cuore

Oscuritá negli occhi,
luci di vecchiaia... disorientamento
All'angolo un piccolo sole dalla luce fiacca,
in compagnia di una grondaia a lavoro.
Fotografie dal cielo,
un flash dalla potenza invadente.
Poco dopo il suo ruggito, lo scatto.
Unico vero fotografo,
maestro nel cogliere la sorpresa.
La grondaia lavora a fatica..
credo che a breve andrá in pensione.
In questi anni quanti pianti
avrá indirizzato verso i canali di scarico.
Fognature accoglienti per scarti di vita.
Casa per cadaveriche illusioni,
vedendole cosí scivolare via
come terra ammorbidita
a valanga... dalla montagna.

Ho aspettato giorni per ascoltare
il dolce fruscío dell'acqua
in caduta libera.
Seduto vicino alla finestra,
ad osservare
un solo quadrato di vita.

Uno spiraglio di solitudine e silenzio
Il battere delle goccie sui metalli
e accompagnare
con l'udito e con l'inchiostro
il suo tintinnío.
Ursula sono con te nel desiderare
la pioggia in eterno (effimeri desideri..)
E poi il desiderio che il foglio
non finisca mai.
Che non ci sia mai l'attimo di voltar pagina..
cosí avendo la possibilitá
di non fermare il pensiero..
Kerouac genio e folle
che soffrí proprio di questo male..
Aveva proprio ragione!

Non scrivere a prescindere perché si scriva!
Aspetto che il sacco si sfondi nel fondo
cosí da vedere
tutto quello che avevo immagazzinato..
Ho accarezzato il palmo della mano infernale
perché amo il Rosso, il Nero
e le sfumature di giallo...
Sono per l'omicidio delle menti stagnati´
e degli uomini che vivono di parole altrui.
Sono con chi prova a morire,
perché so cosa vuol dire..
Con i vagabondi e non con le veline..
perche' le veline in mezzo all'oceano in tempesta
faranno ben poca strada...

Ed ora silenzio e spazio alla notte, oggi in lacrime
Non come i miei occhi
Oggi non saranno loro a piangere
Oggi é il turno del mio cuore...

É finita la pagina
e come sempre
anche le parole..

 

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Vincenzo Capitanucci il 03/11/2008 10:16
    Anche i vagabondi.. nel loro Dharma.. hanno una vela... celeste... intrinsa da una pioggia di fango..

    Bellissima... scrivere su una pagina d'infinità... finchè le parole sono... beato silenzio...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0