accedi   |   crea nuovo account

L'INCUBO FREGUENTE 1999

Sogno spesso de trovamme terorizzato -
ne lo spazio de circa un metro quadrato -
su la cima de ‘n grattacielo in costruzione -
senza ringhiere, parapetti o cordone -
steso a pancia in giù, guardo de sotto -
e.. dall’emozion me.. cago sotto” -
le macchine me pajon moscerini -
e li palazzi quelli più vicini -
pe distingueli ce vole el cannocchiale -
questa è la vision in verticale -
strignenno le ghiappe chiudo l’occhi -
pe riaprilli al son de li rintocchi -
a distanza de quarche campanile -
che sona a’morto co’mmacabro stile -
<è giunta forse la mia “ultima ora”?>-
me dico rigido pensando ancora -
<nun po esse de certo sto sognando> -
mentre.. col corpo sto scivolando.. -
me svejo de botto sospirando giulivo -
quanno m’accorgo da esse ancor vivo -
ma’ppoi però prendo anche coscienza -
de quanto sofferta è la mia esistenza -
allor me riaccuccio de novo nel letto -
speranno quasi de tornà su “quel tetto”!-

 

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Anonimo il 04/11/2008 19:00
    buffissima!!!

    ma dai... però... no...
    meglio vivi!!!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0