accedi   |   crea nuovo account

ll'anziano "bambino"

ERA NA VITA.. che nun salivo l'ascensore -
e nun provavo.. sta benedetta stretta al core -
nel trovamme de fronte.. quell'avaro specchio "
<ODDIO> me so’detto- <già’ssò cosi’vvecchio?>
quattro cappelli grigi e baffi bianchi -
era el riflesso che'mme trovai davanti -
volsi de lato la testa pe.. fuggillo via -
ma’mme sembrò.. fosse vigliaccheria -
me misi allor de novo in posizione -
col coraggio de la.. rassegnazione -
col'occhi fissi e.. in tono de sfida -
je dico a quell’anziano:<sù sorrida> -
fù pronto ad obbedire a li miei gesti -
che’sse alternavan sempre più svelti -
smorfie e sberleffi.. sberleffi e smorfie -
finchè le guance diventaron gonfie -
all’improvviso.. me fermai de botto -
sentendome un po' fesso e’n poco tocco -
anche “Lui” fece altrettanto co sgomento -
e’così restammo.. pe'qualche momento -
lá gabina intanto.. al piano era arrivata -
E mentr’esscivo.. me scappò na gran risata -
sarà stato d’istinto.. sarà stato d’impulso -
ma.. ERA NA VITA che non ridevo de gusto. -
APRILE 1994 -

 

2
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Giusy Grasso il 20/08/2010 11:49
    L'ho trovata davvero vera e, nella sua verità, nel modo anche ironico di porla, sta la genialità. Complimenti!
  • luigi demuro il 07/11/2008 10:38
    Bella. Complimenti Mariano

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0