PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

gennaio mi parla di Te

Osservo dietro i vetri appannati
alle soglie di un nevoso Gennaio

alberi stanchi
braccia aperte sul mondo
a sorreggere il peso dei giorni

animali affamati
che lasciano impronte
per la frenetica ricerca di cibo

cataste di legna
ordinate
in attesa del sacrificio
come piramidi dal cilindrico tassello

anche il corso d'acqua
si è cambiato d'abito
lasciando la frusciante seta estiva
appesa al monte
in cambio del ruvido ghiaccio invernale.

Tutto parla di Te
tutto riconduce a Te
tutto questo silenzio è parte di Te

così in questo quotidiano scorrere
riesci a colmare
misteriosamente
il mio vuoto interiore.

 

2
7 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

7 commenti:

  • Aldo Occhipinti il 14/11/2008 00:39
    un'altra Sabrina m'appare dagli italici versi,
    l'ironica e tagliente Romanesca, si fa posata e delicata.
    nel trattar l'eterno
    il ruvido ghiaccio iemale
    si fa serico calore
    che nella volte interiore
    sale.
  • Dolce Sorriso il 10/11/2008 22:58
    bella
    brava Sabry
  • MARIANO PROCOPIO il 08/11/2008 17:55
    buona buona buona.
  • sabrina balbinetti il 07/11/2008 22:50
    questo mio amore è un testimone universale e Colui che ci ha donato tutto questo... Dio
    baci sabry
  • Lorella Mazza il 07/11/2008 21:37
    Stupenda... Complimenti!
  • Cinzia Gargiulo il 07/11/2008 17:04
    Veramente bella!
    Un abbraccio...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0