accedi   |   crea nuovo account

Marionetta cieca (11 settembre 2008)

Frenetica folle corsa
come onda ti ritiri...
e trascini a te il gusto del presente...
malefica spirale
che avvolgi le emozioni...
di ingannevoli reti logore di rimpianti.
Prevedibile regola
ormai stanca del tuo sentirti assurda...
ridicola etichetta
di stupida e banale rispettabilità.
Non potrai mai imprigionare il vento...
nella tua routine sepolta di pregiudizi
e odorosa di nauseabonda marcia falsità...
e non potrai mai fermare
le ali della libertà...
hai contato i tuoi gioielli macchiati di sangue
e grondanti di criminale schiavitù...
senza aver mai alzato gli occhi al cielo...
sognando un giorno di poter volare.
Ti ritrovi illusa...
di essere ancora in vita
perchè la polvere della tua ipocrisia...
ha coperto lo specchio
dove il tuo riflesso...
è solo rintocco di morte.

 

1
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Rik Forsenna il 12/09/2012 18:02
    Grazie Jim e benvenuto nel mio mondo forsen'nato
  • Andrea il 12/09/2012 15:50
    poesia veramente intensa... non ha allentamenti di tensione e i puntini di sospensione che fanno da preludio al rintocco dell'ultimo verso sono segno di rara sensibilità e di abilità tecnica nel tirar fuori l'emozione dal lettore

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0