accedi   |   crea nuovo account

Il volo

Domino, o mio Dio
su questo grande mondo
dall'alto di un'aspra scogliera...
E giungono lontano, rimbombando i marosi
che dir non so, se retaggio dell'udito
o di più disperata voce nella mente...
Essa mi dice: “Cadi!”, ed io ci provo
avendo avuto cura, di riporre
come in me stesso, istrumento di salvezza...
Aprirò più tardi, il paracadute della mia follia.
Esso mi salverà da quest'ebbrezza
proteggerà la carne del mio cuore.
Simile a un Dio, mi librerò nel vuoto
veloce e forte, come il suo potere...
Ho chiuso gli occhi e sto volando via.
Calcolo il tempo, ma poi mi stanca
la voce acuta, che mi grida il vento...
Aprirò più tardi, il paracadute della mia follia.
Essa mi salverà, solo se stanco
adesso chiudo gli occhi e mi addormento

 

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Alessio magnaguagno il 21/03/2010 08:00
    C'è una potenza e un senso di grande respiro, quasi epica, mi piace molto
  • Fiscanto. il 22/10/2009 23:50
    bella

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0