PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

FIESTA

Mi hanno tolto i colori,
Ora vedo come il Toro

Mi hanno estruso due corna dalle tempie,
Ora penso come il Toro

Mi hanno allungato il prepuzio,
Ora smanio come il Toro

Mi hanno promesso la corrida,
Ora tremo di orgoglio e di coraggio come il Toro

Ora sono il Toro

Ma l’arena non ha pubblico
È di sguallore ceramico

I Toreros indossano a fatica goffi grembiuli di cuoio
I loro sguardi non hanno ardore

La affilata lama di coltello mi sputa raggi di luce neon negli occhi
Gocce di piscio e antico sangue sussurrano alle mio orecchie...

Sei morto... sei morto... sei morto

 

0
0 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0