accedi   |   crea nuovo account

L'ingratitudine umana

forse de mi neanche ti se ricordi -
noi de bambini giogavimo insieme -
ti.. ti se el primo dei "amici" balordi -
ai quali lasarte un.. pensiero me preme.. -
mi, son vegnù tante volte a cercarte -
con nostalgia dell'adolescenza -
ma.. go faticà ogni volta a trovarte -
ti se negavi e mi disevo <pazienza>-
tornavo a casa ogni volta ferido -
nel riscoprirte ancor tanto egoista -
in fondo gavevo in passato intuido -
la tua natura... menefreghista..-
nel caso.. presto dovessi crepar -
visto ch'el mondo me và ormai stretto -
questo se un "rospo" che me vojo levar -
e.. a ricordarte me sento costretto -
che con ti son stà sempre un "fregnon"-
se non era per mi.. ti morivi in vascon!..-
a tuo fradel che sergio se ciama "
io conservo davver grande stima "
me ga sempre accolto co'n'amicizia "
col cuor sincero senza malizia "
salutalo tanto e spero sia in vita "
se mi più non vengo non se per pigrizia "
e'cche sono costretto in carrozzina "
non posso moverme più come prima -
spero sta mia ve trovi in vita "
visto che viver se ormai fatica!-

 

0
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0