PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Li parenti -

Io trovo sbajato er paragone -
fatto quasi ad ogni occasione -
andò se mettono li parenti -
in parallelo co li serpenti -
quest'ultimi so'solo dei rettili -
nun s'attaccan pe'cose futili -
nun cjanno invidie ne rancori -
de certo so'forse migliori -
anche si vivon in povertà -
nun cjanno mire d'eredità -
Io invece direi che sti parenti -
fan più rima co li nostri denti..-
co'quelli boni normalmente ce se "magna" -
co li più"debboli" facilmente ce s'engrugna -
mentre li primi se.. mostreno sovente -
persin a la sconosciuta gente -
dell'artri se preferisce nun parlanne -
volennose ar più presto sbarazzanne.-
Così fece quel mio conoscente -
finchè in bocca nun je rimase gnente -
adesso inghiotte senza masticare -
e.. nessun pasto se po' piu gustare -
mo'sse lamenta de nun avelli curati -
quei poveri "DENTI" un po' malandati. -
1990

 

0
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0