PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

UN GIOCATORE NATO PERDENTE

        Sono un gioco-dipendente -
        che continua e nun s’arrende -
        dalla sera alla mattina -
        ciò in testa la schedina -
        sogno un tredici ben tondo -
        pe’provà in questo monno -
        quelle cose a’mme negate -
        e nun magnà solo patate -
        si la vita è una sola -
        è davver na bella “sola”-
        nun cjai er tempo da rifatte -
        manco’n paio de ciabatte -
        su li “piedi sanguinanti”-
        ch’an scalato solo monti -
        pe ragginge quell’altezza -
        pe’provà la sana ebbrezza -
        de Colui che “su” è arrivato -
        senza mai aver.. “leccato” -
        or però so’vecchio e stanco -
        e talvolta ciò er rimpianto -
        de nun’esse stato’n BOIA - 
        a.. cercà la “scorciatoia” -
anche a rischio del “burrone”-
co’quarche anno de prigione -
me sarei almen risparmiato -
un futur da disgrazziato -
invece io ho cercato..”Quella”-
onestamente ma.. co’jella.. -1999

 

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Ugo Mastrogiovanni il 09/09/2010 19:09
    Molto bella, veramente piaciuta.
  • Riccardo Brumana il 23/11/2008 02:24
    non sono un patito del "gioco" se ho comprato 3 gratta e vinci è già tanto...
    il non aver cercato la scorciatoia "intesa come trafficare nell'illegale" non è da rimpiangere, anzi, fa di te una persona onesta e d'onore.
    complimenti.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0