accedi   |   crea nuovo account

torquato camicazzer fortunato

Torquato Ippisillonn estraterestre anziano
‘sta co’ li nipotini ‘ntorno ar foco
magnanno le callaroste, ‘sto marziano…
ricorda la missione che lo mettette ‘n gioco.

Er Sommo Icchese 32-21
dichiarò guera all’umanità
toccava da trova’ solo quarcuno
che co’ ‘na bomba la potesse ri-azzera’!

Torquato fu prescerto ‘n mezzo ar mazzo
era colui votato all’esprosione…..
lui de confritti nun ce capiva’n cazzo…
però poteva sana’ la situazzione!

Er Sommo Icchese aveva già capito
la fine triste che stava a fa’ la Tera
così arzanno er suo settimo dito…
puntò Niù Yorke e scatenò la guera.

Drento ‘na scatoletta de metallo
come quella dell’aringhe affumicate
ce stava er propellente pe’ lo sballo…
(co’ poco le cose sarebbero cambiate!)

Torquato puntava dritto all’obbiettivo
da solo…co’ la foto sur lunotto…
de li pupetti che ner centro estivo
notavano a bordo de ‘n canotto!

Er caso volle pe’ nostra fortuna
che l’astronave avette ‘n’avaria
così quer disco schiarato dalla luna…
atterò a Trastevere ‘ n Piazza S. Maria!

Ereno i primi de l’anni cinquanta
la vita scoreva lenta ‘n bianco e nero…
da drento ‘n ‘osteria quarcuno canta
quattro stornelli de ‘n amore vero.

Fabbrizzi camminava ‘n carozzella
co’ du’ turisti ner vano posteriore
e je mostrava Roma, nostra bella,
che ar tramonto te fa senti’ ‘n signore.

Arbertone ‘nzieme alla Magnani
passeggiaveno nei vicoli a Testaccio
parlanno der firm che ciaveveno pe’ ‘e mani…
e che l’avrebbe visti braccio a braccio!

12

0
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Carlo Capossela il 20/11/2008 10:58
    Sabrina, sei forte!
    Che dirti di più, sei grande!
    I tuoi versi sono sinceri, intrisi di una luce mai nostalgica, radiosi.
    Di essi (e di te) invidio l'amore che traspare per la tua città.
    Io sono irpino. Un uomo senza terra.
    La mia (terra) è stata sventrata dalla cupidigia umana, dopo il terremoto del 1980.
    Carlo.
  • bruno saetta il 18/11/2008 10:39
    Beh, poco da dire. Un autentico capolavoro.
  • laura cuppone il 14/11/2008 00:07
    molto fantasiosa... piena di riferimenti...
    mi é piaciuta...
    in romanesco poi..

    ciao Sabrina
    Laura

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0