PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Siculi Fluenti

Gorgheggia il Simeto
sotto la mole etnea,
e sopra, ‘l freddo Alcantara
accarezza Randazzo.
Il Platani guarda bieco Girgenti,
mentre a Riesi tu senti:
la pietra nissena mescere ‘l Salso.
Ancora vibra a Poggioreale Belice,
e sale dal Dirillo:
la schiera Iblea a Vizzini.
E nella capitale,
lento e torbido: ‘l mesto Oreto
scende al sale.

 

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • emilio tasca il 14/11/2008 22:46
    In quattro strofe c'è tutta la nostra amata Sicilia. Certo, manca il mio
    Ippari, ma di esso cantava Pindaro 30 secoli fa. Comunque mi è piaciuta.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0