username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Fu notte, e venne il buio.

Fu notte, e venne il buio.
Ma non mancò la luce:
quella sconvolse le pupille
esplodendo improvvisa da fari abbaglianti.
Ad oscurarsi furono i princìpi e la legalità.
Corazzati da elmetti e giubbe,
e corazzate anche le coscienze
inumani scaricarono rabbia e randelli
sui giovani crani ed i loro grandi ideali.
Vollero il sangue, e sangue fluì
Pretesero lacrime, e lacrime scesero
Irrisero le invocazioni di pietà
ed ogni richiesta d’aiuto.
Cancellarono i diritti
ferendo corpi ed anime.

Fu notte, e venne il buio.
Sotto gli occhi del mondo
Si compì l’orrore

Nessun responsabile
Nessun colpevole
Nessun illecito
Tutti assolti
Tutti premiati
Tutti promossi

Fu notte, e venne il buio.
Nell’aula del tribunale
non sorse più il sole

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Paolo Venturi il 15/02/2012 00:08
    Possiamo cercare il dove e il quando, ma ne troveremmo troppi.
    Possiamo cercare il chi e troveremmo lo stato di sicuro e anche qualche altra banda criminale, ma quello che si vive in questa poesia è la violenza del potere per il potere e la giustizia sua serva e complice, ma per premio del soffrire dell'uomo esiste nel suo piccolo, il senso naturale di giustizia. Questo è il progresso. Brava Rossella

18 commenti:

  • mauri huis il 21/07/2011 07:03
    il sole dei tribunali è la giustizia. e non sorge spesso, e quasi mai da noi
  • Ivan Bui il 25/07/2010 21:34
    ... si spera sempre di alzarsi una mattina e scoprire che la luce é tornata... d'altronde elettricisti come Falcone, Borsellino e tanti altri si sono arrampicati tanto da cadere, proprio, per questo.
  • antonio castaldo il 09/03/2010 17:47
    è quando fare un po di luce diventa quasi completamente impossibile
    piaciutissima!
    me la tengo!
  • augusto villa il 19/06/2009 23:23
    Brutta gente... Al servizio di gente ancor più brutta...
    È il grigiore delle loro anime... ad offuscare la luce del sole...
    Ma dice bene Luigi... eh si...
    Eppoi abbiamo una classe politica, in generale, che non è seria... Ma fa sul serio.
  • Dolce Sorriso il 09/06/2009 21:54
    bellissima, piena di senso
    brava
  • Dannunziano _ il 09/06/2009 18:39
    Tra lupi non ci si morde.
  • luigi deluca il 15/02/2009 11:47
    fino a che avremo il "governo" che ci "meritiamo"... non
    c'è possibiltà di riscatto
  • VINCENZO ROCCIOLO il 21/11/2008 09:14
    Bella da lasciare senza fiato, Rossella. Una pagina nera per l'Italia, per le nostre coscienze, per chi ha compiuto quei vergognosi pestaggi, per chi li ha coperti, per chi ha fatto calare il buio.
    Un abbraccio.
  • Marcello De Tullio il 19/11/2008 14:48
    sappi che doèpo il buio ritorna la luce, è molto bella e significativa
  • libraio che legge il 18/11/2008 18:59
    La poesia é bella; é un inno al giustizia che spesso, troppo spesso si fa condurre per mano dalla volere politica, dalla folla, dalla tv, dalle varie asociazioni ecc... Però bisogna pensare che anche i giudici sono uomini e come tali... sono influenzabili (anche se...). Ciao
  • Riccardo Brumana il 15/11/2008 15:43
    semplicemente bellissima, per me è la più bella che hai composto.
  • emilio tasca il 14/11/2008 22:17
    Sembra quasi che tu sia stata un testimone oculare.
    Molto arrabbiata. Tu e la poesia.
  • le fabbriche dismesse il 14/11/2008 19:11
    A quale episodio ti riferisci???
    La poesia è bellissima, trasuda rabbia ad ogni riga!!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0