accedi   |   crea nuovo account

Sera d' estate

E la sera cantavano i grilli,
nascosti tra l'erba
che odorava di fieno
tagliato di fresco.
Nel cielo di nero velluto
le stelle, luminose e grandi,
sembravano caderci addosso.
Tu ascoltavi il canto,
sorretto da braccia
che ora la terra ricopre.
I tuoi occhi bambini
guardavano stupiti le stelle
che non sapevi distinguere
dalle lucciole danzanti fra i prati.
Il mio cuore avrebbe voluto
non vederti crescere,
fissare la tua innocenza
in quei magici momenti.
Ma, no. Non si arresta la Vita.
Ha proceduto il suo cammino
e ti ha donato un fratello.
Ora siete uomini, figli miei.
E non avete perso l'innocenza.

 

0
4 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • cristiano comelli il 28/01/2015 16:15
    Ah la vita la si vorrebbe fermare in qualche istante ma fugge via, però non fugge se la si riesce a imprigionare dolcemente in qualche soave parola. Cordialità.

4 commenti:

  • Franca Maria Bagnoli il 07/01/2008 00:44
    Grazie, Siviglia. Non riesco a leggere il tuo nome.
  • Ezio Falcomer il 07/01/2008 00:02
    tenera struggente "religiosa"
  • Franca Maria Bagnoli il 20/08/2007 10:12
    Grazie, Sara. Un abbraccio. Franca.
  • sara rota il 20/08/2007 10:02
    Bello il fatto che i tuoi figli non abbiamo perso l'innocenza di quando erano piccoli, anche se io sono convinta che in ognuno di noi regni sempre un po' di "bambino"...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0