PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Don pellegrino

Tra i campi imbiancati
dal freddo mattino
s'incamminò Don Pellegrino.
Lungo il religioso cammino
il prete saziò la sete
in un pozzo divino
gustando freschi formaggi
trovati appesi ad un ramo di pino;
Ricevendo un bianca mantella
come dono da una monella.

Dopo tre giorni di duro cammino
Don Pellegrino arrivò a destino:

Santo Amato
il mio pellegrinaggio è terminato,
ma sappi
che gente di fede non ho incontrato!
Delinquenti malvagi
m'hanno umiliato!
Alla ricerca d'acqua
sono stato cacciato
con crampi di fame
per poco picchiato.
Fuggì poi da una monella
che volle rubarmi
la mia bianca mantella!
O Santo Amato
perdona tu
le persone che mi hanno umiliato
io nel mio cuore non provo rancore.

Ma come la luna
che dal nulla appare
una voce nel bosco
si mise a cantare.

Il silenzio fa pensare
che questo tuo Santo
non sappia parlare!

Ho udito tua voce
da dietro il cipresso!

Gridò il prete.

Mostra il tuo volto!
Mostralo adesso!

Calma il tono prete Cristiano

123

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Ferdinando il 17/02/2016 08:14
    splendida... complimenti.

14 commenti:

  • Giovanni De Lombardis il 13/11/2008 10:44
    Sambataro, assurdo riferimento il tuo, di quali bugie parli?
    Voi giovani mancate di rispetto verso la SACRALITà della chiesa, verso la moralità CRISTIANA, TROVO LO SCRITTO, COME DETTO PER ALTRI, L'INSULTO AL RISPETTO, ED OGNI COMMENTO IPOCRITA E FANTASIOSO!!
  • ALESSIO SANNA il 10/11/2008 11:41
    Per Carmelo L. Corretto grazie.
  • Giovanni De Lombardis il 06/11/2008 11:16
    Per SIMONA. Non mi stupisce che non vedi contrarietà, eppure pare banele come risultato finale che colui che viene orribilmente ucciso sia un prete, imaparate a leggere non solo ciò che questi autori vogliono farvi capire, MA SPRATUTTO quello che dicono e nascondono dentro, non che, una assoluta mancanza di regole sociali.
  • simona mugnaini il 25/10/2008 09:50
    Sono daccordo con cio che scrivi... alessio. Nemmeno io ho visto una contrarietà alla chiesa quello che vuoi esprimere è ben altro... parli dell'uomo a prescindere che sia prete o qualcun' altro. Mi è piaciuta...
  • Sabrina Del Prete il 23/05/2007 18:04
    Bravo. Un racconto appassionante che mette a nudo una verità sconveniente, antica e attuale al tempo stesso. Mi piace il riscatto finale di questa energia universale, che è nel tutto e bilancia il tutto. Scorrevole e appassionante nella lettura.
  • ALESSIO SANNA il 13/04/2007 10:24
    TI RINGRAZIO PER AVER COMMENTATO L'OPERA, COMUNQUE CIò CHE VOLEVO ESPRIMERE NON è UNA MIA CONTRARIETà AL MONDO DELLA CHIESA, MA SOTTOLINEARE L'UTILIZZO LUCROSO CHE L'UOMO Fà A PRESCINDERE CHE SIA PRETE O MENO DELL'IMMAGINE DEL CRISTO, RINTERPRETANDO PAROLE E GESTI PER IMPORRE CON AUTORITà LE PROPRIE IDEE, INFATTO IO NON INVOCO NELLO SCRITTO UNA GIUSTIZIA UMANA CHE A MIO PARERE PORTEREBBE AD AUMENTARE IL FANATISMO RELIGIOSO CHE BEN TUTTI CONOSCIAMO, MA MI APPELLO GRATUITAMENTE A QUELLA CHE CONSIDERO LA GIUSTIZIA NON AFFILATA COME QUELLA DEL CIELO.
    MOLTE GRAZIE.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0