PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

santa rita da cascia

Che eri 'na perzona 'n po' speciale
s'era capito da quell'api 'n bocca
che ce so' 'ntrate senza fatte male
quanno sei "puro"... la bestia nun te tocca!

Ereno i tempi dei Guerfi e Ghibbellini
...'na Margherita fiorellin de prato,
nun era come l'antri regazzini
ciaveva 'n gran rispetto per "Creato".

Li genitori volevano sistemalla
e a sedic'anni, pe' nun contraddilli,
fu data in sposa a 'na TESTA CALLA...
Paolo Mancini... che je diede du' fiij.

Solo 'sta Santa donna è riuscita
a converti' lo sposo irruento...
anche si la strada era 'n salita
ha riggirato er galletto come er vento.

Manco l'ammazzamento der marito
j'ha fatto perde pe' 'n attimo la fede
co' la sua bontà ha fatto quell'invito
a li gemelli de perdona' e crede'.

Farciati comme le spighe più mature
pure li fiij so' iti sotto tera.
adesso è sola... senza e crature
ma lei era p'a pace... no p'a guera!

La sua missione era fa' der bene,
scerze da allora la vita monacale
solo così poteva leni' le pene...
come Sant'Agostino... lontano dar male!

'Na Margherita che fa fiori 'na rosa
'n pieno 'nverno è cosa eccezzionale
l'urtimo desiderio pe' 'sta sposa...
du' fichi maturi sopra er davanzale!

 

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Fabio Mancini il 21/11/2008 12:40
    Bravissima! Ciao, compaesana. Fabio
  • mariella mulas il 21/11/2008 11:48
    Grazie.. grazie.. sia per il contenuto che per come l'hai scritto.. Grazie.. per la poesia.. grazie per averci dato la possibilità di leggerla creandola.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0