PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Supplica

Adesso
timori e paure nell'oscurità nascosta e vile giacciono.
Adesso ancor
riecheggia l'eterna e breve soavità,
piacere oramai avvilito e dai sensi deturpato.
Conservi codesta sorte di apocalisse,
oh musa di vita,
e ne mantieni ogni essenza soffocante.
Strappata alla luce
dona coraggio alla codardia:
albeggia a rischiarar su gli orizzonti
oscuri

 

2
7 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

7 commenti:

  • augusto villa il 09/01/2012 10:31
    Notevole, per scrittura e per contenuto... Lirica molto piaciuta. ----------------
  • Sergio Fravolini il 15/08/2010 12:47
    Una grande invocazione.

    Sergio
  • Anonimo il 22/04/2010 16:37
    bell'invocazione per una necessità di chiarore che ci possa rendere più consapevoli della nostra vita
  • tinie M. il 05/01/2010 12:33
    misteriosa quest'alba, sembra un cedere alla vita, un assenso alla perturbabilità. bella la punta di amaro, insieme alla purezza del risveglio
  • Gerardo Masi il 01/09/2009 19:32
    bellissima
  • antonio castaldo il 14/06/2009 17:51
    molto bella... e tu molto brava. kiss.
  • mariella mulas il 21/11/2008 11:53
    Bella e intensa... desiderio a chè la vita sia il miracolo della saggezza.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0