accedi   |   crea nuovo account

Mille volti, un solo nome

Ti ho incontrato, Gesù, stamani alla fermata del tram.
La barba incolta, la folta chioma arruffata,
il corpo rannicchiato in un solitario abbraccio:
dormivi all’addiaccio.

Ti ho rivisto poi arrancare per le vie della città,
tra passi frettolosi e sguardi assenti,
nella frenetica corsa che conduce al nulla,
in questo mondo buio che dell’indifferenza è la culla.

Ti ho sorriso sui gradini di una chiesa,
ma i tuoi occhi erano socchiusi
e recitavi sommessa una preghiera;
ansimavi, ma eri rapito da una recondita armonia:
forse ti stringevano le braccia amorose di Maria.

Quanti volti ignoti sui sentieri della nostra vita!
Segnati dal dolore, dall’indigenza, dalla solitudine;
rigati dalle lacrime o solcati dal tormento
di chi ormai non spera più.
Mille volti che hanno un solo nome: il tuo, Gesù.

 

0
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • raffaella amoruso il 27/12/2010 21:27
    ... così dovrebbe essere... sempre. Complimenti
  • Anonimo il 14/12/2009 18:02
    È bello che tu veda il prossimo ancora come un Gesù.. ti auguro di continuare a trovarlo in giro
    così spesso
    Col cuore
  • starshine1983 il 24/03/2009 20:41
    Gesù nel prossimo!!! è proprio così!!!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0