accedi   |   crea nuovo account

magia e miseria dell'uomo

moria di pani e di pesci
pani che non hanno trovato
bocche degne o troppo affamate
e fiumi rinsecchiti
che invece non hanno potuto
garantire una casa appena degna
a chi si fidava invece
e contava in un copioso flusso ininterrotto
le mie orecchie hanno intercettato
un racconto spettrale
che si e' fatto sempre più assordante
nel mio cervello
le mani protese inutilmente
laddove un tempo
avrei trovato un appiglio sicuro.
cosi' va la poesia
un po' delirio un po' musica
per non portare a nulla
solo a raccontarci un istante
che puo' vivere nel dolore
oppure nella gioia
magie e miserie dell'uomo

 

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • mauri huis il 25/11/2011 01:52
    creare e ricreare emozioni, questo è lo scopo della poesia. che poi possano essere in gran parte delusioni fa parte purtroppo del male di vivere che prende i coscienti. concordo in tutto e apprezzo
  • aleks nightmare il 03/06/2009 17:47
    Bellissima!!!!!
  • manuela giorda il 28/11/2008 22:29
    A volte sembra che lo scrivere ed esternare i propri sentimenti non serva a nulla, invece è molto importante raccontare il proprio vissuto sia triste che felice... e una via d'uscita presto o tardi la si trova... Coraggio, non ti abbattere mai. Molto bella. con affetto Manuela

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0