PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Luci in lontananza.

Le luci della città
illuminavano a distanza
il tuo volto felice
i bianchissimi denti
irradiavano gli occhi
noi dispersi tra le strade
di una città non più nostra.
Mi accostai per toccarti
e mentre la mia mano
cercava la tua pelle
sentii al tatto lo sfogliarsi
di morbide piume.
Angela, ti chiesi:
siamo in un sogno?
Ma tu con un largo sorriso
scopristi una parte del mio vestito.
Ero piumato anch’io!
Ci prendemmo per mano
e intrecciammo le dita.
Dove saremmo andati?
Troppo diversi dagli altri.
Dove ci saremmo nascosti?
Troppo piccolo il mondo.
Chiudemmo le palpebre
e ti strinsi a me.
La notte ancora per un poco
ci avrebbe ignorato.

 

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Cinzia Gargiulo il 24/11/2008 18:38
    Sei veramente fantasioso Fabio!
    Poesia molto dolce con atmosfera da sogno.
    Un :bacio:
  • Sonia Di Mattei il 24/11/2008 14:18
    un volo della fantasia, ben descritto, con immagini delicate e surreali. molto bella

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0