PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Da un letto alla brace

i sassi enormi che scendevano e pesavano
facevano trascorrere le notti più velocemente
saltavi da un posto all'altro, non sentivi stanchezza
avevi solo una gran voglia di sballare, senza pensare ai tuoi tremori
prendevi sempre tutto quello che passava
ti sei scopata anche un cesso l'altra sera,
ma te sei fatta cosi' non ti importa nulla
sei passiva e inerme
quando ti conobbi non volevo sapere niente di donne
ero ancora in uno stato pietoso
beviamo insieme, parliamo, ma non mi ricordo di cosa
scopiamo nella mia macchina con le impronte di gatto sul cofano
non ci si prende in giro, la vita da sempre nuove possibilita'
anche se spesso te lo mette nel culo lo stesso
ma viviamo l'attimo e non pensiamo al domani
che poi non si sa neanche se ci si arriva
quante facce ho visto chiuse in quella gabbia
persone che conosco sono ancora li
fingevano qualcosa che forse non sono mai state
rinchiuse nel loro guscio di color porpora
finalmente un letto anche per noi due
sperando di non friggere come certi polli
Sole che non vediamo mai
è sempre buio quando ci incontriamo
ma se fai l'amore con me non so se hai capito qualcosa
io attendo e godo il momento
Spero che non passeremo mai oltre quel limite
perche' non voglio finire nella tavola imbandita dei porci
come tanti che sono diventati polli
polli fritti per maiali assatanati

 

0
0 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0