accedi   |   crea nuovo account

LA SUA FORZA…

L’andatura è lenta
E mia madre è stanca,
I suoi piedi arrancano
Col mio peso
E di quel che resta
Della nostra casa...

Mia sorella è in pasto ai lupi,
Mio padre è stato catturato e
Legato come un cane a un albero...
Poi ho chiuso gli occhi
Per non vedere i suoi...

Piange mia madre
E mi accarezza,
Mentre nella boscaglia ci confondiamo
Insieme ad altri fantasmi,
Beviamo a piccoli sorsi,
Mangiamo svelti e attenti
Ai suoni,
Ai movimenti,
Alle bestie affamate,
A non aver sonno,
Non troppo,
Per ripartire in fretta
Per il confine
E la salvezza…

Un sogno breve,
Del mio gioco preferito,
Quello che mio nonno faceva
Con mio padre
E che lui m’insegnò orgoglioso
E ci tenne insieme un intero giorno
A ridere ed abbracciarci,
Mentre mia madre cantava
Quella canzone a bassa voce...


Mi sveglio così ancora all'alba,
Per andare
Verso un futuro
Dal nome
Imprevedibile,
Che non ha valore per nessuno
Che non sia mia madre
E la sua
Forza…

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

16 commenti:

  • laura cuppone il 28/11/2008 00:39
    invece ci hai azzeccato in pieno...
    pensavo a un bimbo, profugo e alla sua mamma...
    grande e forte
    anche se fragile e sola...
    la forza di una madre é...
    la Madre per eccellenza.. Insegna no???
    grazie Riccardo!!!
    Laura
  • Riccardo Brumana il 28/11/2008 00:30
    che dire... ho fatto lo sbaglio di leggere gli altri commenti prima di lasciare il mio "cosa che non faccio quasi mai" ma come al solito quando arrivo da te entro in questo cubo dalle diverse inclinazioni e mi spiazzi. comunque... ti dicevo... leggendola mi son ritrovato un una situazione di degrado, come se "chi parlasse" fosse una profuga, un'emarginata, una perseguitata, che nel disperato tentativo di salvare se e il salvabile "sua madre" si rincuora aggrappandosi con la memoria ai bei tempi andati, quando la vita le era più facile, e la gioia le gonfiava il cuore...
    questo ci vedo nella tua poesia, ma dopo aver letto i commenti sotto... credo di aver interpretato la tua poesia in modo errato.
    comunque sia, questa è la mia interpretazione e ti dico che è una poesia particolare come poche e bellissima come ancor meno.
    se fosse musicata mi piacerebbe sentirla cantare dalla bravissima Carmen Consoli, ma non chiedermi perchè, non c'è, è così e basta.
    un abbraccio tesoro, complimenti.
  • laura cuppone il 27/11/2008 14:26
    Sara... non è propriamente un ricordo... e se lo fosse e fosse mio... vorrebbe dire che sono ancora in vita per raccontarlo...

    grazie
    Laura
  • sara rota il 25/11/2008 07:59
    Molto bella... ricordi che scaldano il cuore e la mente.

    Un :bacio:
  • laura cuppone il 24/11/2008 23:48
    Augusto... grazie.. puoi comprendere... lo sai...
    e sai anche cosa fare... da parte mia.. vero?
    un :bacio: a entrambi!!!

    Laura
  • augusto villa il 24/11/2008 23:25
    La forza di una madre... Ma che bella!... Quest'anno ho avuto modo di vedere... a che punto puo' arrivare la forza di una madre... La cosa mi ha lasciato veramente senza parole... Brava Laura!
  • laura cuppone il 24/11/2008 23:20
    grazie Dolce..
    più che anima a volte sento che la coscienza bussa alla mia porta e mi chiede di non esser cieca e sorda...
    e mi ricorda che sono fortunata...

    un :bacio:
    laura
  • Dolce Sorriso il 24/11/2008 23:09
    poesia sensibilissima,
    eccola qua la tua anima,
    che esce allo scoperta
    brava
    un abbraccio
  • laura cuppone il 24/11/2008 23:06
    ... Nico... speriamo che il futuro riservi qualcosa di buono per tutti quelli che non hanno avuto che paura... paura di lui...
    grazie
    un abbraccio
    laura
  • laura cuppone il 24/11/2008 23:03
    grazie Roberto
    sei gentile.
    Laura
  • laura cuppone il 24/11/2008 23:02
    Adamo... la madre é la forza in carne e ossa...
    Basta pensare alla Madre per eccellenza... e la forza che ha avuto... nel sopportare con fede quell'immenso dolore..
    un :bacio:
    anche a te!

    laura
  • laura cuppone il 24/11/2008 22:59
    purtroppo non lo é ange... ho visto solo, così com tutti quelli al caldo, a casa propria, un pezzo di documentario... uno stralcio di ciò che sta succedendo, in Congo, per l'oro...
    ho visto solo bambini caricati addosso a donne, cariche già di sacchi o borse improvvisate, fuggire... alla morte per violenza... cacciati dai villaggi... deportati, costretti a imbracciare un fucile e se si é bambine a compiacere i soldati... una scusa quella della guerra etnica... le colpe non più dirette ma sparse sulla testa di mezzo mondo come coriandoli...
    ho solo indegnamente pensato.. cosa un bimbo... potesse provare...
    naturalmente con umiltà e senza avere la minima idea davvero di ciò che si possa provaredavvero... e ho ammirato quelle donne... che nonostante tutto salvano il salvabile e i loro figli ad ogni costo...

    grazie ange.
    Laura
  • Nicola Saracino il 24/11/2008 22:54
    Angelica ha ragione: sembra l'inizio o il manifesto di un romanzo, l'inizio di un respiro prolungato. N
  • roberto cafiero il 24/11/2008 21:01
    e che dire secondo me è perfetta complimenti
  • Adamo Musella il 24/11/2008 20:54
    Quella forza in quella figura amata che con fare dolce ci accompagna una vita intera... anche quando la severità del momento ce la mostrerà dura l'ameremo ancora di più pensando quanto sia difficile sia essere madre... che tesoro che sei Laura a farci questo bel dono di vita ti meriti tanti, tanti :bacio:
  • Anonimo il 24/11/2008 20:52
    Un pensiero costante, che fa arrancare con fatica, tanta fatica...
    Il futuro non ha mai nome, ma ha comunque un valore importante, che porta con i pensieri verso le persone che si amano. Passa il tempo, scorre veloce, bruciando illusioni, sogni,
    Le radici, si ribellano e camminano anche sotto la terra arida, arrivano comunque...
    Sai Laura, sembra quasi l'inizio di un romanzo, carico di realtà ma anche mistero..
    ciao cara
    Angelica

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0