accedi   |   crea nuovo account

La notte

Eravamo tornati da un'inferno di alcol, si stava proprio bene a casa.
C'era la stufa, la compagnia degli amici, le stronzate per ridere un po'.
La serata si era terminata in un modo perfetto.
Non sapevo ancora cosa mi aspettava.
L'angoscia prese il sopravvento nella notte.
Un turbine di incubi spaventosi disturbavano il pensiero,
la solitudine, la paura.
Qualche lacrima scendeva sul viso segnato dalla stanchezza. Una stanchezza che toglieva il riposo.
Grido e continuo a gridare ma soltanto contro di me.

 

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • cristina gafton il 23/06/2009 17:47
    sembra che tu non sia soddisfatto di te stesso... mi ricorda una persona..
  • eugenio maiolo il 17/04/2009 00:18
    è un semplice caso di ubriachezza molesta. avessi avuto almeno la gentilezza di qualche spleen

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0