PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

L'eroe

Perseo tornò vittorioso
ma non ricordando
l'impresa compiuta

ricevette in dono
la più piccola
memoria portatile mai avuta

d’incanto una quinta si aggiunse
alla pur immensa Micene
ma l’eroe dal centro guardando
si accorse che in
una luce striata dal tramonto di tuorlo
la città a un certo punto finiva.


gran premio fu allora il vedere
dall’alto del palazzo di Acrisio
una marea infinita di neri granelli
teste d'uomini acclamanti
si sentì uno di loro,
fratelli.

 

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • giuliano paolini il 29/11/2008 08:29
    e' la storia che vede arianna precipitare perche' il tapino un po' tapiro si era dimenticato di modificare la bandierina sull'albero della barchetta? se e' cosi' devo dire che hai magnificato la storia con grande abilita' se no lo hai fatto comunque.
    allora ti chiederai sto commento che ci sta a dire?
    scusa potresti lasciare anche qualcosa da fare a me...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0