PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Ossitocino

Sono stanco
ma non ho sonno
rimango stanco al pensiero della pubblicita'
entra parla dimmi cio che ti tormenta
mi taglio la barba ma non ho la lametta
la pioggia cade, e il mio cuore e a pezzi
il coniglio è riuscito a scappare dal cane
inferocito il treno mangia la ragantela della domenica
le speranze dei bimbi chiuse dentro il fiore mattutino
che bello, che brutto
la canzone non se ne va dalla testa
pensavo che la religione fosse stata abrogata dalla costituzione
ma che ne sai te di cio che penso
Sul cuscino la notte non vuole arrivare
qual'è il rumore?
sul cuscino la notte non vuole arrivare
qual'è il rumore?
che strano, il giornale vende profilattici usati
studi la vagina sul libro di storia
no forse il mio cazzo si è sporcato di sborra
chi vive nel ricordo della fascia pomeridiana
la benzina non entra più nel serbatoio
l'orso del bosco è stato rinchiuso
Sul cuscino la notte non vuole arrivare
qual'è il rumore?
sul cuscino la notte non vuole arrivare
qual'è il rumore?

Spinto dal cielo in un mare di odio

 

2
2 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 01/05/2012 02:48
    splendida poesia complimenti aleks

2 commenti:

  • Aliena il 30/06/2012 17:36
    sapessi quanto ti capisco.. bellissima poesia..
  • giuliano paolini il 29/11/2008 11:19
    la bellezza e la forza di queste riflessioni che paiono strambe a prima vista e' che in realta' lo sono anche alla seconda, lasciatelo dire da uno che a volte ne nota la strambeta' anche alla terza

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0