PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

All'amico Giuliano Bianciardi (letta (non da me) durante la festa x il suo ultimo giorno di lavoro- 2001)

Di blu vestito spazzar le foglie è il suo rito,
dolce e buono sempre pronto
a dar mano a chi a bisogno.
Lui non si lamenta
un sorriso sempre s'inventa.
Della caserma la gente,
dovrebbe promuoverlo dirigente...
non per l'anzianità,
ma per la sua eccelsa bontà.
Grazie a lui la questura,
non ha mai rischiato l'usura
e se il palazzo è decente,
è grazie a lui... tenetelo a mente!
Piccolo grande uomo mai domo.
Chi come lui affronta
il vento, il freddo e la neve
a braccia scoperte...
senza mostrare mai
di aver bisogno di un bel po' di coperte?
Signori miei questa è fibra,
reale esempio, di cosa è la vita.
Oggi è gran festa,
ma non possiamo dirti con noi resta...
e con dispiacere... e sono emozioni vere,
ti auguriamo tanta fortuna,
mai dimenticheremo la tua figura...
perchè senza di te
sarà veramente dura.
Grazie di cuore mitico Giuliano,
un giorno speciale oggi viviamo,
goditi la tua vita da pensionato...
perchè è importante
il giorno che sei nato!

 

1
0 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 04/04/2014 10:05
    Un augurio sincero ad un amico che lascia il lavoro per entrare nella dimensione del pensionato. Ma anche in pensione si può fare qualcosa per la collettività dove si vive! Ognuno può dare quello che riesce a dare!
  • Anonimo il 04/04/2014 10:03
    Un augurio sincero ad un amico che lascia il lavoro per entrare nella dimensione del pensionato. Ma anche in pensione si può fare qualcosa per la collettività dove si vive! Ognuno può dare quello che riesce a dare!

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0