PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Le mie donne riposano nell'ombra

Tutte le finestre accese
E le mie donne riposano nell’ombra
Come spettri diafani di morte
Con il vento dei loro occhi
Con le loro mani
Tese a raccogliere
Tutta la mia vita
Come un attimo
Come un sussurro

Eccole lì tutte le mie donne
Nell’ombra dei miei silenzi
Nei miei desideri d’avventura
Riposano come finestre vuote
E insegnano e tessono
Con candide mani di follia
La sottile trama degli inverni

Sono ombre
Sono neri presagi
Sono morte violenta
Sono sottigliezza e raccoglimento
Le mie donne che sognano
Le mie donne velate
Le mie donne ferite

Le loro ciglia raccolgono
Le gocce del mio essere
Ed il loro tedio
Sfocia lento nel rancore
Lente s’addormono in me.

anni '80

 

1
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • paolo emidio angelini il 23/09/2014 14:17
    Ciao e grazie a voi!
  • Riccardo Brumana il 01/12/2008 22:39
    molto bella, tra il chiaro e l'ombra... in un tepore che rilassa.
  • Anonimo il 01/12/2008 20:24
    questa poesia me la ricordo...
    era da un'altra parte...
    ed anche qui...è bellissima!
    ciao!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0