PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

[Senza titolo]

Forse non ho più bisogno di scegliere,
Tempo mi consiglia sempre il meglio.
All’imbrunire attendo un’alba che spero arriverà,
ma non è certo che aprirò gli occhi asciutti domattina.
Un fiume di parole in musica accompagna ogni mio viaggio
Nelle viscere della mia mente,
profondi viaggi senza ritorno a volte!
Se cerchi di capire sii pronto ad impazzire!
Un tuffo senza ritorno nell’inferno più freddo che tu abbia mai sentito sulla tua pelle,
calda ed innocente.
Ascolta la mia voce e il mio lamento
mentre cammini nel mio labirinto personale.
Sentirai l’eco dei tuoi passi e ti spaventerai
come mi spavento di me stessa che si guarda allo specchio!
Sei su due binari paralleli
Che uno specchio scinde i legami…
Sono su due binari paralleli…
Che uno specchio ha scisso i legami!
Uno specchio rotto,
diviso in due da uno scherzo prematuro
o da un fortuito caso.
Cammina prudente in quest’isola che non trova spazio in universi razionali,
abbandona ogni regola e accomodati:
pazzia mia, dimora tua!

 

2
4 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 20/11/2013 05:49
    apprezzata, complimenti.

4 commenti:

  • Donato Delfin8 il 14/12/2008 07:11
    Bella. Chiusura efficace! grazie a presto
  • Adamo Musella il 01/12/2008 21:46
    Un viaggio forse si organizza con ragione... si vive con passione irrazionale... brava per la tua Nadja baci
  • Anonimo il 01/12/2008 19:03
    questa mi è piaiuta...
    è diversa dalle solite...
    evviva!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0