accedi   |   crea nuovo account

L'ALTRA FACCIA DELL'AMORE...

Nubi ammassate d’inverno
feriscono il cielo d’autunno
di cicatrici d’acqua e sale.

Acide lacrime asciutte
scagliano stille sull’anima,
scivolando sulla pelle scura
come lame taglienti d’una accusa.

Urlando in profondi silenzi,
stringiamo le catene delle tue paure
coi fili tesi dei mie discorsi a maglie sciolte,
alla ricerca d’un instabile equilibrio.

Come la radice può inclinare l’asfalto,
un istante sfuggito al tempo,
una parola rapita da un volo
possono bastare a far crollare tutto,
a trasformare due sguardi in due cammini,
rivelando l’atra faccia dell’amore.

Domani è ancora lontano,
ma meno lontano di te…

 

0
4 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 30/09/2012 15:36
    Un'ottima poesia per struttuta ed intensità di sentimento nei versi. Apprezzate le metafore. Letta tutta d'un fiato e riletta con grande piacere. Complimenti!

4 commenti:

  • ivan renella il 18/12/2008 10:34
    Forte e speranzosa!
  • emilio tasca il 01/12/2008 22:23
    Se è ancora così vicina, non lasciarla andar via. Se la legge, forse lei capirà.
    Auguri.
  • Adamo Musella il 01/12/2008 21:25
    Perché nascondere l'altra... esiste tanto vale parlarne e vivere entrambe con consapevolezza... bravo a scrivere su questa Gaspare ciao

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0