accedi   |   crea nuovo account

Domani

Limpida e scintillante
come una cascata di gemme
come la scia di un ruscello
l'eco del piano
mi riporta a te
A te che eri, e non sei
una luce da cercare con gli occhi
stanchi di oscurità
Che eri fiamma, oro,
ma anche ghiaccio e sassi,
sguardi, sorrisi
ma anche lacrime perse
Un prato verde, uno scoglio
e anche un'onda,
a volte fredda e impietosa
che mi ha portato al largo
per poi lasciarmi, sfinita
sulla battigia lucente
nell'ultimo raggio del sole al tramonto.
Ascolto a occhi chiusi ogni nota
le affido un messaggio incoerente
che non vorrai più ascoltare
La musica svanisce piano
e con lei il mio pensiero,
sospeso, rimane...
Aspetto domani.

 

1
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Anonimo il 13/12/2008 17:48
    che invenzione fantastica la musica... complimenti
  • Riccardo Brumana il 02/12/2008 23:46
    nei momenti difficili la musica può essere un'amica impareggiabile.
    molto bella, bravo-a

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0